Sospendere le rate del mutuo

Le famiglie che hanno sottoscritto un mutuo, ma hanno difficoltà finanziarie possono richiedere la sospensione temporanea delle rate del muto.
Le motivazioni accettate per la sospensione sono:

  • perdita del lavoro
  • decessi
  • condizioni di non autosufficienza dell’intestatario

Il problema principale è che il calcolo degli interessi è a discrezione delle banche, le soluzioni più frequenti sono:

  • Interruzione parziale del pagamento delle rate, con il pagamento dei soli interessi
  • Totale sospensione delle rate del mutuo con pagamento completo degli interessi alla fine della sospensione
  • Sospensione con diluizione delle rate e degli interessi maturati non corrisposti sulle rimanenti rate.

Indipendentemente dall’istituto e dal metodo, dunque, resta il fatto che durante il periodo di sospensione, gli interessi continuano a maturare sul capitale iniziale e il tasso si calcola in base alla somma rimasta al momento della sospensione.

ESEMPIO PRATICO

Sospensione di 12 mesi / 12 rate con un residuo di 100.000 euro.
Tasso fisso al 5%.
Alla fine dei dodici mesi si dovranno versare 5000 euro ulteriori maturati sul capitale residuo, un pagamento non da poco.

IN realtà però Arbitro Bancario Finanziario ha deciso che ( Decisione n.3257):

gli interessi da corrispondere alla banca devono essere calcolati solo sulle quote delle rate sospese e non sull’intero capitale residuo del mutuo, dunque, gli interessi si devono calcolare sulle 12 rate sospese e non sui 100 mila euro complessivi del mutuo restante ( riferito all’esempio precedente ).

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *